in , , ,

La Auburn University in Alabama vieta TikTok sui dispositivi statali e sulle reti internet

editoriale italiano

Destini Ambus, senior presso la Auburn University in Alabama, è rimasta così sorpresa il mese scorso da un nuovo divieto di TikTok sui dispositivi statali e sulle reti Internet che ha letto ad alta voce l’avviso di notizie al riguardo ai suoi amici.
“Eravamo tipo, ‘Oh, è strano, perché dovrebbe farlo’, e ci siamo messi a ridere e siamo andati avanti”, ha detto Ambus, 21 anni, caporedattore del giornale del campus, del divieto, che è stato ordinato dal governatore dello stato, Kay Ivey. “Non mi è venuto in mente quando ho visto quella prima e-mail che sarebbe stato qualcosa che avrebbe avuto un impatto diretto su di me.”
Quella decisione sarebbe arrivata pochi giorni dopo, quando l’amministrazione di Auburn ha dichiarato che avrebbe bandito TikTok dalle reti Wi-Fi del campus, unendosi a diverse altre università pubbliche che hanno recentemente emanato restrizioni simili.
Le restrizioni del campus sono arrivate quando 19 governatori hanno bandito l’app video, di proprietà della società cinese ByteDance, da dispositivi e reti di proprietà statale nell’ultimo mese e mezzo. I governatori hanno dichiarato tali restrizioni mentre i negoziati continuano a trascinarsi tra TikTok e l’amministrazione Biden, preoccupata che la popolare app rappresenti un rischio per la sicurezza nazionale, probabilmente dando al governo cinese la possibilità di sorvegliare gli utenti.
Due terzi degli adolescenti negli Stati Uniti utilizzano l’app, rendendola seconda in popolarità solo a YouTube in quella fascia di età, secondo il Pew Research Center.

What do you think?

392 Points
Upvote Downvote

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Le bandiere russe e bielorusse sono state bandite dagli Australian Open

editoriale italiano

Generale inglese ammette che il Regno Unito sarà più debole dopo che avrà inviato carri armati e artiglieria all’Ucraina